tu sei tutto, fino al settimo cielo

… “tu sei tutto, fino al settimo cielo” è l’inizio e la fine del mio libro,
che ci farà liberi, perché ognuno troverà in esso il suo posto.
Sarà un viaggio a spirale, oscillante tra una cosa e il suo opposto,
ma è meravigliosa questa ascesa in cui sai dove vai e c’è sempre
una sorpresa, perché sei aperto, aperta e io Alberto e tu scoperta.
Io un artista e tu la più veloce, la più bella sulla pista. Era mia figlia
e come una foglia è cresciuta da me che sono albero Alberto.


Ma certo ho anche un figlio e il mio consiglio è di lasciarli andare,
dopo averli curati in tutti i possibili particolari prima di salpare,
come una nave in mare. Ma è mio figlio, sì, ma è un foglio
che deve essere scritto e poi volare finché verrà letto.
E non temere il mare o il cielo. E’ vero, i tuoi fogli
diventeranno un libro. La vita.
E sarà tua e di tutti.

Fermati, dove stai vorticando? Spirale che sale.
Sì, mi fermo e sono eterno: nell’immobilità l’eternità,
la realtà concentrata in una goccia, un inizio,
e il fluire dello stessa realtà, non solo metà, nella storia.
Ma il primo concetto da tener stretto stretto
è che storia e eternità sono la stessa cosa.
Vortice, perciò cerchio, con un centro, perciò uno.


L’albero è un vortice, guarda la chioma,
i rami braccia, orizzontali, ali, ma guarda anche come
l’apparato radicale è simmetrico, specchio alla chioma.
Seme, chioma, e questo chiama il verticale che sale
e l’altra immagine oltre il seme, la noce, il nucleo
l’uovo, la testa, la sfera, la terra, e dentro il cervello,
l’universo che si versa nell’uno, quanto è bello.

L’universo, tu, uno, nessuno, poi due, ed i multipli.
Non fermarti: la spirale che sale è fiore e i petali molti.
E il fiore sei tu, anche il cuore, in un libro di anatomia,
non è fantasia, è un vortice. E i petali palpiti.
Se torni da capo, passo per passo ti accorgi che tutto è vero.
E dove ti aggrappi ruotando, danzando:
agli altri.