per la Venere di Laussel

dal corno ti dico ti voglio
e tu con la mano sul ventre
mi dici sono Venere e sono
tenere le cure per il figlio la figlia
non occorre la foglia  lo cullano
le curve con cui ti ho sedotto
e condotto da me che ancora aspetto
le tue carezze sotto e dentro la pietra
non arretra il desiderio della curva
della culla dove ognuno si annulla nell’altro
ma così commosso entra nell’osso
del sasso dell’essere assieme
tienimi stretta non avere fretta
il tuo amore ti aspetta

Alberto Sighele

Published by

wp_200360

Poeta, artista di Pittura Fonetica, attore regista della Compagnia Fonetica. Sostiene l'Europa unita fino agli Urali e in un mediterraneo di Ulisse, non fossa comune.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *